Farfalla

“Se tu fossi un animale, che animale vorresti essere?” Mi ha chiesto Paolo mentre guardavamo il bel tramonto che colorava il cielo con il suo addio.  C’eravamo seduti sul molo con i nostri piedi sotto l’acqua. A Paolo piaceva fare passeggiate casuale senza nessuna ragione.  Questa volta mi ha portato con lui, gli piaceva sopra tutto andare in spiaggia per liberare la sua mente dallo stress.  Ma io non avevo voglia di parlare, il forte mal di testa era tornato, non mi lasciava da sola; non mi lasciava pensare in pace e godere della sua compagnia.  Paolo lo ha notato e mi cinse con un braccio, lui è sempre così gentile con me.

“Rispondergli!” Me ho detto a me stessa.  “Voglio essere una farfalla. Vorresti essere una farfalla con me?”  Gli ho chiesto, guardandolo negli suoi occhi nocciola, profondi e teneri. Quegli occhi che mi fanno impazzire.  In qualche modo lui sempre mi fa arrossire, anche se solo da guardandomi.  Con una buffa espressione sul volto, perfettamente simmetrico, mi ha chiesto: “perché una farfalla? Non sono animali e non sono virili! No, non sarò una farfalla, scegli un altro animale.”

Ma sapevo come convincerlo.  Ho inclinato la testa lateralmente e glielo guardato intensamente con occhi tristi, facendo un broncio. “Però dovessi essere con me sempre. E io credo che ti piacerebbe volare insieme a me, o mi sbaglio?”

“Ugg, non è giusto quando mi guardi così. Va bene, sarò quello che vuoi che io sia” Ha detto, mentre mi baciava sulla guancia.  Ho ridacchiato, mi sentivo un po’ meglio.

“Mi piace quando ridi Belen. Non sai come sei bella quando sei felice, voglio sempre renderti felice.” E mi baciò sulle labbra.

“Il bacio della vita” Ho pensato, mentre cercavo di riprendere fiato. Alcune persone vogliono che i pensieri siano ascoltati, ma secondo me i pensieri siano pensieri, e per la stessa ragione devono essere privati.  Il sole era tramontato, la luna gigante e gialla cominciava a sorgere.

“Ma, non hai risposto la mia domanda.  Perché una farfalla?”

“Perché una farfalla sembra di volare infinitamente, sbattendo le suoi ali nell’abisso del tempo eterno.” Gli ho detto. Ha sorriso e mi baciò ancora una volta.

Siamo tornati a casa insieme, tenendoci per mano

Short Stories

missejjessim View All →

An incurable passion for writing; a poet at heart. I am a writer on the road.

1 Comment Leave a comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: